Sabato, 26 Settembre 2020

Confetra: in fase di conversione del “Cura Italia” si espliciti che è consentita l’apertura dei magazzini logistici delle imprese

COMUNICATO STAMPA

  

CONFETRA: IN FASE DI CONVERSIONE DEL ‘CURA ITALIA’ SI ESPLICITI CHE È CONSENTITA L’APERTURA DEI MAGAZZINI LOGISTICI DELLE IMPRESE

  

È l’appello che il Vice Presidente di Confetra, e spedizioniere del Porto di Ravenna, Marco Migliorelli, rivolge all’Esecutivo ed al Parlamento.

“Questo non può essere tema di scontro ideologico con il sindacato. È una mera questione di buon senso. Sono in viaggio, stanno arrivando e arriveranno nelle prossime settimane, numerose navi che sono partite dalla Cina o dal Sud America anche due o tre settimane fa. Navi cariche di merci, prodotti, materie prime, destinate a imprese italiane, anche a quel 60% di aziende la cui produzione industriale improvvisamente e momentaneamente è sospesa a seguito del Decreto Legge del 23 marzo.

L’Italia movimenta 11 milioni di contenitori l’anno, 800 mila al mese, 200 mila a settimana. Di questi, il 60% rischia di non poter quindi giungere a destinazione. Dove li mettiamo? Discorso simile per le rinfuse. Oggi abbiamo avuto contatti con terminalisti, spedizionieri, agenti marittimi. Ne abbiamo discusso con il MIT e domani sentiremo il parere di Assoporti.

La soluzione più ragionevole sarebbe che il Governo, ferma restando la sospensione della produzione, rendesse più chiaro tuttavia che i magazzini delle aziende tutte restano sempre aperti, per consentirci di consegnare la merce in entrata e trasportare fuori quella già prodotta. Lo scopo del Decreto è quello di sospendere la produzione per far diminuire il numero di persone per strada e in fabbrica. Va bene. Ma questa vicenda con la produzione non c’entra niente.

La nostra interpretazione del Decreto è comunque già questa. Corriamo altrimenti il serio rischio, entro un paio di settime, di avere i nostri hub logistici – porti, interporti e cargo village degli aeroporti – completamente impraticabili e saturi di merce in giacenza”.

Roma, 25 marzo 2020