Mercoledì, 28 Febbraio 2024

Cargo ferroviario

Camera dei Deputati – Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni (IX)

Audizione del Vicepresidente di Confetra per il cargo ferroviario, Giacomo Di Patrizi, nell’ambito dell’esame, in sede di relazioni al Parlamento, dei contratti di programma stipulati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti con la società Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. per il periodo regolatorio 2022-2026 – parte servizi e parte investimenti – 14 marzo 2023

 

Lo scorso 14 marzo, si è svolta l’audizione di Confetra, rappresentata dal Vicepresidente per il cargo ferroviario Giacomo Di Patrizi,  presso la IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera dei deputati, riguardante i Contratti di programma (CDP) tra il MIT e RFI S.p.A.___7 2022-2026.

Confetra, anche a nome di Fercargo, ha espresso un complessivo apprezzamento per la parte investimenti, in particolare per quelli riguardanti il potenziamento della rete e la messa in sicurezza della circolazione ferroviaria. Allo stesso tempo, è stata però segnalata la limitatezza delle risorse destinate all’integrazione modale di ultimo/penultimo miglio, complessivamente pari a 1.490 milioni di euro (pari all’1,3% degli investimenti programmati nel CDP 2022-2026), a cui avrebbe potuto essere aggiunta almeno una parte dei 1.750 milioni programmati fino al 2031, per far fronte alla crescente domanda di istradamento ferroviario e aumentare le capacità di offerta dei servizi resi dal mercato dell’intermodalità.

Altro aspetto segnalato da Confetra riguarda la mancata evidenziazione degli interventi specificamente destinati all’adeguamento della rete e dei nodi dedicati al cargo ferroviario, pur sicuramente presenti nel complesso degli investimenti programmati, per dare conto dei fabbisogni degli obiettivi di allineamento agli standard operativi europei.

Sulla parte servizi, infine, si è segnalata la mancanza di elementi riguardanti l’impatto che l’attuazione degli investimenti potrà avere sui servizi resi dagli operatori ferroviari, a causa di interruzioni delle linee e riduzioni della capacità di servizio della rete, derivanti dalla pianificazione temporale dei cantieri e dei possibili percorsi alternativi.

 

TESTO AUDIZIONE CONFETRA